Libri News

News, recensioni e sintesi libri, romanzi, narrativa italiana e straniera, gialli, thriller, noir, fantascienza, fantasy ecc.

Libri: Angelo smarrito di Angelo Starinieri – Sperling & Kupfer


La storia di un uomo ‘normale’ finito tra i clochard che sembra una favola. Una favola vera.

Laurea in architettura, 70 anni, pubblicitario di successo, Angelo Starinieri vede il suo mondo crollargli addosso prima per la perdita di un figlio e poi per un’accusa di corruzione rivelatasi in seguito infondata. Da quel momento la sua vita diventa quella di un clochard con domicilio una panchina di piazzale Cadorna, a Milano.

Tornato in possesso della sua vita e dei suoi beni, ha ripreso l’attività professionale, senza rinunciare all’impegno a favore dei senzatetto, mettendosi al servizio degli ex compagni di strada, ai quali è dedicato ‘Angelo smarrito’, pubblicato da Sperling & Kupfer.

Libri News segnala:

Il rapporto segreto di Tom Rob Smith - Sperling & Kupfer
Il rapporto segreto di Tom Rob Smith – Sperling & Kupfer


Angelo smarrito di Angelo Starinieri - Sperling & Kupfer

Angelo smarrito di Angelo Starinieri - Sperling & Kupfer

Titolo: Angelo smarrito
Genere: Problemi e servizi sociali
Autore: Angelo Starinieri
Editore: Sperling & Kupfer
Anno: 2009
Informazioni: pg. 204
Codice EAN: 9788820047757

Prezzo di copertina: € 18,00

IL LIBRO – Un uomo sta tornando a casa. È ricco, ha un ottimo lavoro, una famiglia, ma questa sera è stanco. Il suo primo figlio è morto da qualche mese e qualcuno forse l’ha tradito negli affari, perché c’è un’accusa grave nei suoi confronti e il Tribunale ha disposto il sequestro dei suoi beni. L’uomo stanco si siede su una panchina vicino alla stazione: mi riposo un poco, pensa.

Su quella panchina rimarrà quattro anni. Angelo, prima di finire sulla strada, è un manager che lavora troppo, circondato da molta gente. Dopo quella sera di primavera, quando il dolore lo ha congelato, resta con lui solo il popolo degli invisibili, i clochard, compagni di un percorso di dolore e di coraggio. Nella sua nuova vita conosce la fame, il freddo, la sporcizia, le risse notturne per un riparo più comodo, la diffidenza della gente, il corpo che si sfascia.

Ma anche una solidarietà intima e vera, l’amore tenace di una donna che gli è rimasta accanto, la riscoperta della fede. Poi, un giorno, il risveglio: uno scatto di orgoglio, e le sue qualità di guerriero tornano a galla. Bisogna fare qualcosa per quei ragazzi, prima che si addormentino per sempre.

Angelo inizia un lavoro frenetico, nel quale coinvolge istituzioni, associazioni e le conoscenze di un tempo; procura ai senzatetto pasti caldi, tende dove rifugiarsi la notte, e l’attenzione dei media. E le carezze di cui hanno bisogno i loro corpi dimenticati. Angelo racconta questa lunga, straordinaria pagina della sua vita. Una storia cruda, ma senza morbosità; una storia di resurrezione, senza buonismi né pietismi. Una storia che sembra una favola. Una favola vera.

L’AUTOREAngelo Starinieri è nato a Pescara nel 1938. Dopo la maturità artistica e gli studi di architettura ha iniziato una lunga carriera di manager e pubblicitario. Ha collaborato con importanti aziende quali Longines, Breil, Aktinsons, Vecchia Romagna, e ha realizzato iniziative di grande successo, dalla Festa del papà al Premiodonna, intitolato a Marisa Bellisario.

Al culmine della carriera, la perdita di un figlio e un’accusa di corruzione, rivelatasi poi infondata, lo hanno portato alla deriva. Dopo aver vissuto tra i clochard di piazzale Cadorna, a Milano, ha ritrovato lentamente la sua strada mettendosi al servizio dei compagni. Tornato in possesso dei suoi beni, ha ripreso l’attività professionale, senza rinunciare all’impegno a favore dei senzatetto, ai quali è dedicato questo libro.

.

Archiviato in:Libri Problemi e Servizi Sociali, , , , , , , , , , , , , , , , ,

One Response

  1. marco angelo scrive:

    Buongiorno a tutti.
    Sono conosciuto dagli amici come Marco ma per Angelo Starinieri sono forse Arcangelo. Ci siamo conosciuti in piazzale Cadorna, io avevo da poco iniziato il corso di scienze umane e filosofiche alla Cattolica e un giorno salii le scale che portano al secondo piano della stazione. In quel periodo avevo conosciuto un maestro di tai chi e io intrepido cercavo spiragli di tempo per mettermi alla prova.fu lì che conobbi Angelo, il mitico Angelo. Sì signori. Facevo gli esercizi con volontà ma non con la testa fu così che Angelo nel vedermi intervenne”devi essere più rilassato” e io pensai”che ne vuole sapere questo qua del tai chi” non ci feci caso e continuai fino alla fine l’esercizio. Mi sedetti vicino a lui, e iniziò un breve dialogo. “piacere Marco” “piacere Angelo” ci fu un attimo di silenzio i nostri sguardi si incrociarono e fu lì che vidi l’uomo dal cuore infranto, scorsi la sua profonda depressione, ma sotto sotto vedevo un cuore di leone, un organizzatore.di vita. Angelo mi raccontò: parte della sua vita, il suo stato d’animo e mi consigliò di scrivere un libro sulla sua vita se un giorno fossi diventato giornalista. Angelo vide in me un comunicatore, una persona in grado di capire in profondità l’altro e io gli dissi”prima devo conoscere me stesso”…ma Angelo vide benissimo. La mia vena giornalistica sta iniziando…mi colpirono due cose di Angelo il suo stato fisico ormai lasciato allo sbaraglio del tempo e come seconda cosa questa frase:”ogni giorno che trascorro qua su queste panchine è un giorno di luce, la mia mente si illumina il cuore si apre”Angelo stava vivendo la realtà senza nulla, solo pochi abiti e quei 30 € che gli diedi per sfamarsie per poter andare in tribunale.Angelo non lo andai più a trovare per una settimana e quando tornai non lo vidi più.Se ne era andato…per la sua strada.
    è facile scrivere ora di lui, ma nel cuore non l’ho mai dimenticato, ho provato a cercarlo su internet..longines, breil, ma niente da fare, il suo nome non compariva da nessuna parte.Oggi è un bel giorno, sto scrivendo, amo la scrittura così come sognava Angelo vedermi e sentirmi scrivere. Giovedi prossimo sarà ad Oggiono (Lc) in libreria “liberamente” in via longone dal mio caro amico Giando siete tutti invitati perchè il 3 dicembre 2009 parlerà Angelo Starinieri della sua vita. Voglio rivederlo.Grazie per lo spazio concesso a persone comuni come me di scrivere e commentare un gentlement come Angelo Starinieri.Un saluto a tutti
    Marco Angelo Corti e per Angelo Arcangelo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Flickr Photos

Joshua Mohr

Tutto quello che amo in questa vita al contrario di Joshua Mohr

Nicolai Lilin

Caduta libera di Nicolai Lilin

Caduta libera di Nicolai Lilin - Banner

Buona Pasqua

Attacco a Teheran di David Ignatius

Attacco a Teheran di David Ignatius - Banner

Il figlio perduto di Julie Myerson - Banner

Il figlio perduto di Julie Myerson - Cover

Altre foto

Blog Stats

  • 444,823 hits
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: