Libri News

News, recensioni e sintesi libri, romanzi, narrativa italiana e straniera, gialli, thriller, noir, fantascienza, fantasy ecc.

Libri: Fiori nel fango di Hillary Jordan – Neri Pozza Editore


«Adulterio e razzismo, passioni e pregiudizi in un romanzo che tiene il lettore col fiato sospeso». [The Independent]

«Questa è scrittura elevata alla massima potenza, alimentata dalla feroce presenza della storia… Hillary Jordan scrive con la forza di un uragano. I suoi personaggi sono usciti dal Mississippi degli anni Quaranta e sono entrati nella mia testa lasciando solidarietà, rabbia e amore, lasciando il mio cuore battere all’impazzata». [Barbara Kingsolver]

«Una rappresentazione superba dell’ira e della paura generate dal razzismo». [Publishers Weekly]

‘Fiori nel fango’ (Mudbound) di Hillary Jordan, romanzo vincitore del Bellwether Prize pubblicato in Italia da Neri Pozza Editore, è una storia ricca di personaggi reali e convincenti, un intreccio tra storia, tragedia e amore alimentato dai sensi di colpa. Un potente romanzo d’esordio che proietta l’autrice tra le voci contemporanee più belle.

Libri News segnala:

Il cane scomparso tra le foglie di Michelle De Kretser - Neri Pozza
Il cane scomparso tra le foglie di Michelle De Kretser – Neri Pozza


Fiori nel fango di Hillary Jordan - Neri Pozza Editore

Fiori nel fango di Hillary Jordan - Neri Pozza Editore

Titolo: Fiori nel fango
Genere: Narrativa Straniera
Autore: Hillary Jordan
Traduzione: C. Brovelli
Editore: Neri Pozza
Anno: 2009
Collana: I narratori delle tavole
Informazioni: pg. 316
Codice EAN: 9788854503762

Prezzo Book Shop: € 17,00

IL LIBRO – Nella primavera del 1939, Laura Chappell incontra per la prima volta a Memphis Henry McAllan. Lei, piccola e scura, con marcati lineamenti francesi, ha trentun anni ed è ancora vergine: una «zitella sulla via della pietrificazione», come ironicamente si definisce. Insegna inglese in una scuola privata per ragazzi, canta nel coro della Calvary Episcopal Church e fa da baby-sitter  ai suoi nipoti. Lui, quarantunenne che dimostra tutti i suoi anni soprattutto per via dei capelli candidi, ha mani forti, una solida aria di sicurezza e la deliziosa parlata del Delta del Mississippi.

Quando Henry McAllan le propone di sposarlo, Laura accetta di buon grado, certa che il primogenito di un clan rurale come Henry non possa che essere un buon marito e un padre premuroso dei suoi figli. Il giorno in cui Henry decide di ubbidire al «richiamo della terra» dei McCallan e di trasferirsi col vecchio padre in una fattoria sul Delta del Mississippi, Laura lo segue fedele, portandosi dietro le due bambine nate un paio d’anni dopo il matrimonio.

Sul Delta del fiume, però, la vita si rivela completamente diversa dall’idillio che Laura aveva immaginato. È costretta ad alzarsi all’alba, uscire e andare al gabinetto, rabbrividendo d’inverno e sudando d’estate. Poi deve togliere il fango dal pavimento, strofinare le casseruole e le facce delle bambine e dare da mangiare a tutti, anche al vecchio genitore di Henry nel capanno: un uomo odioso con una voce rappresa per il troppo fumo e gli occhi chiari, scaltri e severi sempre fissi su di lei e sulle bambine. Infine, ramazzare di nuovo e pulire la stalla fino a che non calano le ombre della sera.

Certo Laura ha stretto amicizia con Florence, la moglie di Hap Jackson, una nera dalla pelle scura come fuliggine e muscoli fibrosi come quelli di un uomo. Ma è un’amicizia che costa non poco lì sul Delta del Mississippi. Mostrando i suoi denti lunghi e color zafferano, il vecchio McCallan non lascia trascorrere giorno senza insultare i «negri» e il dottor Turpin, l’unico medico a disposizione per molte miglia, non fa nulla per nascondere il fatto che lui odia i «negri» semplicemente perché esistono.

Come un raggio di sole nel fango dei campi di cotone, un giorno fa però la sua apparizione Jamie, il fratello di Henry tornato dalla guerra in Europa. Bello e magro, con i capelli del colore di un penny appena coniato, a Jamie piace conquistare il prossimo. Quando parla con Laura, inclina la testa leggermente da un lato quasi voglia afferrare meglio le sue parole. E ogni mattina lascia fiori di campo in una bottiglia del latte sul tavolo della cucina, e sorride sempre felice alle bambine. Per Laura Chappell è una pericolosa e irresistibile tentazione…

L’AUTOREHillary Jordan è cresciuta in Texas e in Oklahoma. Ha studiato presso la Columbia University. Fiori nel fango è il suo primo romanzo e ha ottenuto negli Stati Uniti uno straordinario successo di pubblico e critica. Vive a Tivoli, New York.

Il sito web dell’autrice www.hillaryjordan.com

.

Archiviato in:Libri Narrativa Straniera, , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Flickr Photos

Joshua Mohr

Tutto quello che amo in questa vita al contrario di Joshua Mohr

Nicolai Lilin

Caduta libera di Nicolai Lilin

Caduta libera di Nicolai Lilin - Banner

Buona Pasqua

Attacco a Teheran di David Ignatius

Attacco a Teheran di David Ignatius - Banner

Il figlio perduto di Julie Myerson - Banner

Il figlio perduto di Julie Myerson - Cover

Altre foto

Blog Stats

  • 444,823 hits
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: