Libri News

News, recensioni e sintesi libri, romanzi, narrativa italiana e straniera, gialli, thriller, noir, fantascienza, fantasy ecc.

Libri: Niente di Alberto Salza – Sperling & Kupfer


Alberto Salza, antropologo irriverente e, in qualità di viaggiatore, grande narratore di storie, per quarant’anni ha vissuto pericolosamente a contatto con la miseria estrema, dalle periferie delle nostre città agli slum delle megalopoli di Africa e Asia.

Ne ha ricavato un pugno di teorie e molti taccuini di aneddoti e incontri con personaggi impossibili da dimenticare. Il risultato è questo volume: ‘Niente. Come si vive quando manca tutto. Antropologia della povertà estrema’.

Fra scienza e racconto, humour nero e tragedia, un libro di antropologia che si legge come un reportage e si chiude con una domanda tanto paradossale quanto inquietante. Ci prepariamo ad assistere alla nascita di una nuova specie? Homo nihil, il povero più povero, sarà il prossimo anello dell’evoluzione umana?

Niente. Come si vive quando manca tutto. Antropologia della povertà estrema di Alberto Salza - Sperling & Kupfer

Niente. Come si vive quando manca tutto. Antropologia della povertà estrema di Alberto Salza - Sperling & Kupfer

Titolo: Niente. Come si vive quando manca tutto. Antropologia della povertà estrema
Genere: Problemi E Servizi Sociali
Autore: Alberto Salza
Editore: Sperling & Kupfer
Anno: 2009
Collana: Saggi
Informazioni: pg. 223
Codice EAN: 9788820046620

Prezzo Book Shop: € 14,40
Prezzo di listino: € 18,00
Sconto: € 3,60 (20%)

IL LIBRO – Come si fa a capire la povertà del mondo di oggi? Basta pensare al sifone del gabinetto (quello all’occidentale, non il semplice buco nel terreno che va per la maggiore nel resto del pianeta): chi sta in alto respira aria pulita e guarda verso il cielo. Chi sta nella strettoia centrale si industria a galleggiare sulla schiuma. Ma chi sta sotto la curva del sifone, per quanti sforzi faccia, non ha modo di risalire.

In altre parole: i poveri sono sempre più poveri. E ciò accade tanto nei Paesi del cosiddetto Terzo Mondo, quanto nelle nostre città. Dalla giungla al giardino di casa nostra, il mondo è disseminato di trappole che si chiamano assenza: di cibo, acqua, casa, patria, diritti, istruzione, salute.

L’AUTOREAlberto Salza (Torino, 1944), dopo gli studi in fisica si è mutato in antropologo free lance. Ha compiuto numerose missioni scientifiche sul campo, dal Sudafrica al Belize, dalle Montagne Rocciose canadesi allo stretto di Bering. Da quarant’anni studia le strategie di sopravvivenza in Africa, in particolare nella zona del lago Turkana: dalle problematiche dei nomadi alla ricostruzione dell’origine della cultura di quattro milioni di anni fa.

Ha collaborato con varie università, organizzazioni umanitarie e istituzioni, fra cui il Ministero degli Affari esteri, l’Unione europea e le Nazioni Unite. Collabora con numerose riviste scientifiche e divulgative, fra cui Le Scienze, D di Repubblica, Airone, Focus e ha pubblicato diversi libri, fra i quali Evoluzione dell’uomo (1986), Ominidi (1989, nuova edizione 1999), e il monumentale Atlante delle popolazioni (UTET, 1997). Non ha mai posseduto un telefono cellulare.

.

Annunci

Archiviato in:Libri Problemi e Servizi Sociali, , , , , , , , , , , , , ,

4 Responses

  1. […] «Il popolo turkana si divide ormai in quelli che hanno il telefonino e quelli che non ce l’hanno. I primi si sposano tra loro. I secondi, pure. Così i due tipi umani divergono, le differenze diventano sempre più forti, fino a originare specie diverse». L‘osservazione è dell’antropologo Alberto Salza, autore di Niente. […]

  2. paola repetto ha detto:

    Ho conosciuto Alberto Salza in Africa e abbiamo trascorso insieme alcuni giorni a Barsaloi e poi con sua moglie e lui a Marhalal in Kenya. E’ una persona unica e ha lasciato in me un bellissimo ricordo. Spero sempre di incontrarlo nuovamente. Ho appena terminato il suo ultimo libro NIENTE, mi è veramente piaciuto e mi ha fatto rivivere molte delle esperienze che ho avuto in Africa.

  3. […] diventata enorme. Dall’atra parte si sa, c’è un mondo che non ha di che vivere perché non ha NIENTE, in primis niente da […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Flickr Photos

Blog Stats

  • 447,732 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: