Libri News

News, recensioni e sintesi libri, romanzi, narrativa italiana e straniera, gialli, thriller, noir, fantascienza, fantasy ecc.

Il pane di ieri di Enzo Bianchi


‘Il pane di ieri’ di Enzo Bianchi, edito da Einaudi, è una raccolta di racconti di modi, usi, sapori e profumi di una volta. «Il pane di ieri è buono domani», dice per intero il proverbio. Con la bussola di queste parole Enzo Bianchi racconta storie e rievoca volti della propria esistenza. Ogni racconto è la tappa di un cammino sapienziale che parla dell’amicizia, della diversità, del vivere insieme, dei giorni che passano e della gioia. Della vita di ogni uomo in ogni tempo e terra del mondo.

Il pane di ieri di Enzo Bianchi - Einaudi

Il pane di ieri di Enzo Bianchi - Einaudi

Titolo: Il pane di ieri
Genere: Scienze Sociali
Autore: Enzo Bianchi
Editore: Einaudi
Anno: 2008
Collana: Frontiere
Informazioni: pg. 114
Codice EAN: 9788806194888

Prezzo Book Shop: € 14,03
Prezzo di listino: € 16,50
Sconto: € 2,47 (15%)

IL LIBRO – L’angoscia di fronte alla domanda: “che tempo fa?” è certo più forte quando un semplice evento atmosferico può distruggere in pochi minuti un anno di lavoro. Allora non è poi così strano vedere il parroco del paese incedere nella tempesta, il piviale viola scosso dal vento, fendere l’aria con l’aspersorio dell’acquasanta e implorare con voce ferma Dio di fermare la grandine: “Per Deum verum, per Deum vivum”.

In un mondo sempre più abitato da suoni nuovi e pervasivi è facile perdere le voci antiche che scandivano lo scorrere del tempo: il canto del gallo all’alba, il rintocco delle campane che annunciava momenti lieti o tristi, il grido dell’acciugaio e il richiamo del venditore ambulante di carta da lettere. Suoni quotidiani, destinati a tutti.

Il cibo, a ben guardare, oltre che un nutrimento necessario è anche qualcosa di cui si deve “aver cura”. La tavola è luogo di incontro e di festa e la cucina è un mondo in cui si intrecciano natura e cultura. Preparare il ragù può diventare allora un momento di meditazione e la bagna càuda un vero e proprio rito in cui gli ingredienti che la compongono rappresentano uno scambio di terre, di genti, di culture.

A dispetto di ogni localismo (anche culinario) tutti i cibi anche i più nostrani, sono carichi di debiti con l’esterno e con chi, in terre lontane, ha coltivato le materie prime, le ha fatte crescere e le ha raccolte. Storie ricche di personaggi singolari, di saggezza popolare, di amore per la terra, di riflessioni sulla vita, la morte e la ricchezza della diversità.

L’AUTOREEnzo Bianchi (Castelboglione, Monferrato, 1943) è fondatore e priore della Comunità Monastica di Bose. Già direttore di «Parola, Spirito e Vita», membro della redazione della rivista internazionale di teologia «Concilium», è autore di numerosi testi sulla spiritualità cristiana e sulla grande tradizione della chiesa, in dialogo con il variegato mondo contemporaneo.

Collabora a «La Stampa», «Avvenire» e, in Francia, con il quotidiano «La Croix» e i periodici «Panorama» e «La Vie». Per Einaudi ha curato Poesie di Dio (2005) e Il libro delle preghiere (2005). Nelle «Vele» è uscito La differenza cristiana (2006); nelle «Frontiere» è stato pubblicato Il pane di ieri (2008).

.

Annunci

Archiviato in:Libri Scienze Sociali, , , , , , , , ,

7 Responses

  1. errequ ha detto:

    Racconto cosa mi è successo.
    L’altra mattina presto ho visto un intervista su RAI NEW (verso le tre o le quattro del mattino).
    Era la rassegna stampa dello scrittore Enzo Bianchi che parlava ad una platea di persone, non credo fossero giornalisti, ed ha raccontato un pò la sua vita, le sue esperienze, ed il rapporto con le persone conosciute ed incontrate lungo i suoi viaggi.
    Non conoscevo Enzo Bianchi, ma mi ha affascinato, non solo per i suoi trascorsi ma proprio per il modo semplice di come trasmetteva il suo se stesso, (il proprio spirito), ho immaginato subito che stava al di sopra di ogni gradino che c’era in lui qualcosa di Superiore, sembrava una parabola per descrivere i rapporti tra persone semplici che soffrono, che faticano ma che non lesinano di dividere ciò che si ha, gesti d’Amore. La storia del PANE il minimo indispensabile e necessario per sopravvivere per le persone meno abbienti e la gioia di dividerlo con altre persone. Per un attimo ho pensato alla Comunione. Grande spirito e grande persona.

    Prosieguo su ciò che mi è capitato il giorno di Natale.
    Sono andato a messa, non lo faccio spesso.
    Ascolto la messa vicino ad una persona che conosco, al momento della comunione tutti partecipano tranne io e la persona vicina, la quale mi fa notare che solo noi non abbiamo partecipato alla comunione. Rifletto su ciò. Alla fine della messa gli dico che non ho partecipato alla mensa, forse a causa del catechismo fatto da bambino nel quale mi insegnavano che “prima di fare la comunione occorreva confessarsi”.
    Questo il motivo per cui non ho mai fatto la comunione ogni volta che vado a messa.
    Ricordando invece le parole di Enzo Bianchi ascoltate il giorno prima, mi sono sentito completamente vuoto, ed ho pensato che condividere il pane ad un incontro con altre persone quale il momento della messa è come condividere il PANE tra amici o conoscenti durante una cena.
    La prossima volta lo farò. Grazie.
    Ciao.

  2. mara ha detto:

    ho sentito stamattina fabio volo che leggeva un passo tratto da “Il pane di ieri” e mi sono subito incuriosita. Ora leggendo il commento di chi mi ha preceduta, sono ancora più curiosa di leggere questo libro 🙂

  3. Faustino Bertoldo ha detto:

    Ho appena finito di leggere ‘Il pane di ieri’ di Enzo Bianchi e ho compreso e assaporato direi profondamente questo scritto perchè anch’io sono vissuto nel dopoguerra in un piccolo paese del Canavese (350 anime) con la differenza che Enzo Bianchi e’ un gigante di spiritualità di comunicabilità.Non mi resta che dire grazie a Enzo Bianchi e a consigliare a tutti di leggere questo libro carico di fede e di umanità.

  4. Federico ha detto:

    Anche io ho sentito per caso Fabio Volo che ne parlava e sono rimasto colpito dal passaggio che ha letto per radio. Credo che lo cercherò in libreria perchè mi sembra che valga la pena di essere letto.

  5. Mario Dessole ha detto:

    Stamattina, alle 8,00, ho ascoltato la trasmisione di Giovanni Minoli, su Rai 3 e mi sono “incollato” al televisore ad ascoltare un giovane che, con molta compostezza e chiarezza, commentava il libro di Enzo Bianchi “Il pane di ieri”. Sono rimasto stupito e commosso da tante belle frasi che sono state ribadite anche con la grafica. Le ho immediatamente scritte perchè amo tenere aggiornata una mia rubrica con i pensieri più profondi e importanti con i quali mi incontro. Mi è venuto un forte desiderio di leggere quel libro. Corro immediatamente a comprarlo.Voglio rileggerci, nella loro giusta collocazione: “L’olio, il pane, il vino e il sale sono lezione e consolazione”, “Era una morte accompagnata”, “Era un morire in mezzo alla vita piena”, “La morte faceva quasi parte della vita e, forse, non faceva così paura”.

  6. […] alla riscoperta di quanto di buono e di essenziale c’è in ognuno di noi, la memoria va a Il pane di ieri. Il pane di ieri che, come dice Enzo Bianchi, nella premessa, è buono domani (el pan ed sèira, […]

  7. Alchemilla ha detto:

    Io ho letto questo libro e vi garantisco che ti lascia una piacevole sensazione di verità, di vera vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Flickr Photos

Joshua Mohr

Tutto quello che amo in questa vita al contrario di Joshua Mohr

Nicolai Lilin

Caduta libera di Nicolai Lilin

Caduta libera di Nicolai Lilin - Banner

Buona Pasqua

Attacco a Teheran di David Ignatius

Attacco a Teheran di David Ignatius - Banner

Il figlio perduto di Julie Myerson - Banner

Il figlio perduto di Julie Myerson - Cover

Altre foto

Blog Stats

  • 447,122 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: